Sepolcro dello scrittore Achille Campanile 2017-01-23T16:03:01+00:00

Project Description

Loading...

Sepolcro dello scrittore Achille Campanile

 

L’idea primigenia prende avvio dal significato simbolico dell’ovale, come segno sintetico dell’uovo, forma perfetta, primitiva, che sopravvive al tempo e che rappresenta il principio della  vita stessa.
Attraverso il ritorno alla madre terra avviene la trasformazione che darà origine a nuova vita. L’uovo diviene arcaico tumulo di terra, che si apre per riaccogliere in sé quanto da esso stesso generato…
Un segno essenziale, di modesto impatto volumetrico e di rilevante efficacia simbolica. Il “tumulo di terra” è ricoperto di pietra per ovvie ragioni di manutenzione e conservazione, al fondo del cuneo d’intaglio vi è il sepolcro di Achille Campanile, appena sollevato da terra (h cm 38). Alle spalle del sepolcro è infissa una lapide in travertino alta 2,50 m e larga quasi quanto l’intaglio (1,20 m), dove è inciso, come epitaffio, un brano tratto dall’opera “Il Povero Piero” dello scrittore Achille Campanile. Tra questa e la pietra del sepolcro, vi è un piccolo volume che accoglie i contenitori per i fiori ed una luce.

Qui giace Piero d’Avenza
cittadino integerrimo
lavoratore indefesso
sposo e padre esemplare
figlio amorosissimo
fratello discreto
cugino soddisfacente
cognato passabile
genero detestabile
prozio tenerissimo
biscugino senza particolare rilievo
nipote insignificante
pronipote modello
suocero insuperabile
amico pignolo
debitore insolvibile
vicino di casa un poco rumoroso
nonno futuro
antenato impareggiabile
morto esigente
Una prece!
A lui i posteri diranno un giorno:
Grazie, arcavolo!
Achille Campanile.

La parte anteriore dell’intervento, si estende oltre la forma ovale generatrice, con una pavimentazione in travertino, disegnata da fasce alterne di lastre trattate a filo di sega e bocciardate. Le superfici laterali dell’intaglio d’accesso al sarcofago, sono realizzate in travertino con trattamento a filo di sega, mentre la lapide tombale, dello stesso materiale, ha un trattamento di finitura levigato. Il manto di copertura del “tumulo” è realizzato con una “palladiana” in travertino composta da tessere di ridotta dimensione.
Progetto: 
Studio di Architettura Quattrocchi Simonetti
Direzione Lavori:
Studio di Architettura Quattrocchi Simonetti
Impresa:
Impresa Edile D’Ottavio Tiziano Costruzioni e Ristrutturazioni
Cronologia:
2007
Localizzazione:
Velletri, Roma, Italia

Info

Piazza Caduti sul Lavoro 36, Velletri (Roma)

Phone: +39 069638269

Mobile: +39 3356947960 | +39 3334738796

Fax: +39 0696149618